Lettori fissi

Quale di questi autori vorresti che intervistassi?

Translate

Cerca nel blog

martedì 18 luglio 2017

IN MEMORY OF JANE AUSTEN

Cari miei lettori, come ben sapete oggi ricorre l'anniversario della morte della grandissima Jane Austen, che ci lasciava esattamente due secoli fà, il 18 Luglio 1817.

Per commemorare il due centenario dalla sua scomparsa, ho pensato di fare uscire un articolo sul blog a riguardo, anche se sicuramente non servirà per ricordare la sua grandezza! Ma nel mio piccolo e con molta umiltà, ci tengo a ricordare un mito.
Ripercorriamo insieme la sua vita...
Jane nasce il 16 Dicembre del 1775 a Steventon, nel sud-est dell'Inghilterra. Crebbe in un ambiente molto stimolante e all'età circa di 20 anni iniziò a lavorare sulle prima bozze di "Orgoglio e Pregiudizio" e "Ragione e sentimento". Quest'ultimo romanzo, in realtà, prendeva il nome di "Elinor e Marianne"; il padre, colpito dalle sue doti di scrittura, decise di proporre il testo a un editore, che però lo rifiutò. E' proprio a questo punto che la Austen cerca di modificarlo, eliminandone lo stile epistolare e facendolo avvicinare di più all'opera che poi sarebbe diventata "Ragione e sentimento".
L'editore Egerton si offrì di pubblicare, nel 1813, "Orgoglio e Pregiudizio", facendo una vera e propria fortuna, date le ristampe; il libro andò praticamente a ruba.
E ancora oggi questo rimane, senza dubbio, uno dei romanzi più celebri della Austen, senza contare i vari adattamenti cinematografici e televisivi che partono dal 1940, fino ad arrivare al 2005 con Keira Knightley e Matthew Macfadyen.Aggiungendo poi le varie serie televisive che sfociano anche nell'horror, le sit della BBC con Colin Firth e "Il diario di Bridget Jones" che contiene alcuni temi del romanzo austeniano, in cui il protagonista maschile, Darcy, viene chiamato così in onore all'omonimo personaggio del libro.
Jane Austen può, senz'altro, essere definita come una figura di spicco del panorama pre-romantico.
I suoi lavori non vennero letti, all'epoca, esclusivamente da un pubblico femminile, così come potremmo pensare dato il genere "rosa", ma contava anche una bella fetta di pubblico maschile interessato alle vicende della borghesia descritte dall'autrice.
Jane morì, purtroppo, all'età di 42 anni a Chawton, nel suo cottage, affetta dal, all'epoca incurabile, morbo di Addison. Chissà con quanti scritti ancora ci avrebbe deliziato, se solo le fosse stato dato del''altro tempo a disposizione. 
Dobbiamo ricordare che, a quei tempi, la vita di una donna era esclusivamente "casa e chiesa". Quest'ultima doveva occuparsi dei lavori domestici e non perdere tempo dietro alle frivolezze della vita. Affermarsi in un momento storico in cui è davvero scarsa la considerazione che si ha della donna non è da tutti; inoltre per l'epoca era davvero raro che una ragazza potesse essere scrittrice.
Pensate che fino a un secolo prima- e mi permetto di tirare in ballo Artemisia Gentileschi, nota imitatrice caravaggesca - era impensabile che una donna potesse firmare i suoi dipinti. Analogamente (perchè in fondo pittura, scrittura, sono tutte forme di Arte) la Austen non veniva sicuramente vista di buon occhio. Ha firmato i suoi lavori e ha avuto la fortuna di essere nata decenni più tardi rispetto a Artemisia e donne del suo calibro, in modo da poter affermare la sua Arte.
Proprio per questo è una figura di rilievo, per cui nutro grande stima. E' riuscita a far trionfare il valore dei libri e della scrittura, ribadendo, sin da quei tempi, la forza della Donna. E per questo te ne siamo immensamente grati.
Duecento anni fà se ne andava una grande scrittrice, ma nessuno muore veramente finché vive nei cuori di chi resta, e Jane ha proprio fatto breccia!

15 commenti:

  1. Quanto amo questa autrice sempreverde! Ancora oggi, dopo più di 200 anni, è attiale fonte di aspirazione!

    RispondiElimina
  2. L'unica autrice di classici che sia mai riuscita a leggere 💜

    RispondiElimina
    Risposte
    1. È una delle mie preferite😍 anche Charlotte Bronte, ma devo ancora capirlamangiare ahahah

      Elimina
  3. Quali sono i tuoi libri preferiti tra i suoi? Io per adesso ho letto solo "ragione e sentimento" (il mio preferito) e "orgoglio e pregiudizio".

    RispondiElimina
  4. Quali sono i tuoi libri preferiti tra i suoi? Io per adesso ho letto solo "ragione e sentimento" (il mio preferito) e "orgoglio e pregiudizio".

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il mio è decisamente Orgoglio e Pregiudizio��

      Elimina
  5. L'ho dovuta studiare per un esame all'universitá ... Che dire, è intramontabile📚💜

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono curiosa di sapere di più su questo esame ahahahah😍

      Elimina
  6. Una donna veramente formidabile,per ora ho letto solo due suoi romanzi ma sono assolutamente tra i miei preferiti!

    RispondiElimina
  7. Grande donna che è riuscita a farsi un nome nonostante donna e nonostante l'epoca fortemente maschilista in cui viveva! Confesso però che ho iniziato suoi due libri ma non sono riuscita a portarli a termine. Sono vergognosa lo so, ma prometto che rimedierò ❤️

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma no cara, non sei vergognosa! Forse non era il periodo giusto, magari riprova tra un paio di mesi❤

      Elimina
  8. Una grande scrittrice, è stato proprio grazie a lei che ho iniziato a leggere classici. Non vedo l'ora di recuperare tutte le sue opere e avere un'idea completa sulla sua persona.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La Newton, con i suoi minimammut, propone un bel po' di opere della Austen a prezzi accessibili😊 possiamo fare rifornimento

      Elimina